Smørrebrød

Devo parlarvi della cucina danese.

La maggior parte delle volte mi cucino da solo o mangio a mensa, ma grazie a qualche fine settimana in giro e qualche lettura comincio ad avere le idee chiare.

Quella nel titolo non è una brutta parola ma il più comune piatto danese. In realtà dovrei dire meglio: il più comune modo di servire il cibo in un piatto danese.
Infatti lo smørrebrød viene chiamato spesso sandwich aperto danese (qualcuno lo paragona alle nostre tartine).
E come nel panino italiano ci può essere di tutto, anche lo smørrebrød può essere fatto con tutto.

Punti fermi:
Si serve in un piatto e si mangia con forchetta e coltello
La base è una bella fetta di pane di segale (nero)
L’aspetto estetico della composizione è importante quanto il sapore in bocca (in questo e nel fatto che in genere si serve freddo mi ha ricordato il sushi)

Un paio di foto che mi risparmiano duemila parole le ho trovate su internet, sul sito http://flickr.com/photos/ilmungo/

smorrebrod1.jpg
smorrebrod2.jpg

L’autore, ilmungo, ne concede gentilmente la riproduzione secondo i termini di questa licenza

AttributionNoncommercialShare Alike Some rights reserved.

Voi direte: “basta chiacchiere, dicci se è buono”

Ma come si fa a rispondere se la cosa può variare ed avere sopra carne, pesce, verdura in tutte le combinazioni?
Quelli che ho mangiato erano buoni ma li avevo scelti con cura 😉 (e li ho pagati una cifra 😦 )

A me sembrano adatti ad uno spuntino (il ricordo del panino…) non ad un pranzo o ad una cena
Poi quasi sempre sono freddi e anche se questo richiama al “kolde bord” (vedi prossimo post) me li rende ancora più spuntini.

Ci vuole il piatto caldo. Ma possibile che qui a questa latitudine non l’abbiano capito?

In alcuni locali pare che il cliente possa prepararseli anche da solo scegliendo tra gli ingredienti a disposizione

Pro:
veloci da servire e mangiare
se ne possono provare molte varietà in una sola volta
anche l’occhio vuole la sua parte

Contro:
un senso di insoddisfazione se devono sostituire il pranzo
un senso di mancanza di affetto se fuori fa freddo ed entri in un locale per scaldarti

p.s.

al gruppo: con questo post ho fatto pure il mio primo esperimento con le licenze creative-commons (vedi sito a destra). Ci pubblichiamo con queste le canzoni dei Susca?

Annunci

4 Risposte to “Smørrebrød”

  1. Dark rye bread - Pane di segale | Caput Mundi Cibus Says:

    […] Terzo giorno: Mangia! (Esempi per mangiarlo) […]

  2. Zlamushka Says:

    beautiful sandwiches, love smorrebrod 🙂

  3. liz Says:

    i’m glad i can understand what this site says! (sarcasm) but i still wanna try this…

  4. adry1 Says:

    I want to try and help people not speaking italian

    Smørrebrød = Danish open sandwich

    must be:
    use fork and knife
    rye bread as base
    aesthetic as important as taste

    could be:
    meat, fish, vegetables…all you can imagine

    pros:
    fast to serve and eat
    several tastes in one meal
    eye-catching

    cons:
    not so filling if you are very hungry
    not so warming when it’s cold outside (and it is often cold in Denmark!!!)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: